Le conseguenze del salone

Trotter chair by Magis via designperbambini.itOgni anno ormai da quando scrivo questo blog vado a Milano per il Salone del Mobile. Ogni anno mi affanno a cercare idee, scattare foto, fare cose e vedere gente. Ogni anno poi mi ritrovo con tante foto sfocate, con qualche chilo di depliant e biglietti da visita e nulla di postato sul blog. E’ un po’ una maledizione, una specie di blocco della blogger da indigestione.

Anche quest’anno sono andata a Milano, ma sono andata con un nuovo “mindset”: sono andata a Milano per gustarmi tutto il bello che trovavo, per me, non per il blog, non per il design per bambini.

Di biglietti quest’anno perciò ne ho riportati solo un paio, di foto sull’iPhone ce ne sono davvero poche, ne salvo solo una, che mostro qui, però…

[Leggi tutto]

Addio passeggino

carretto per bambini Kaiko

Ma che brava, dice giá quando le scappa” mi chiede una mamma al parco mentre osserva le mie goffe manovre per far fare pipí a mia figlia. ”Ma che brava questa bimba ad usare la forchetta” mi ha detto l’educatrice quando pochi giorni fa hanno inserito l’uso delle forchette, dei bicchieri di vetro e dei piatti di coccio, visto che lei non ha piú problemi con queste cose da svariati mesi.  E ancora un’amica psicoterapeuta infantile:  ”Ma che brava  a tenere la matita e come coordina bene il tratto“.  Insomma verrebbe quasi da dire che abbiamo raggiunto davvero tanti traguardi, che la gnoma è davvero brava.  Poi peró la mamma al parco vede le scene per farle fare due passi a piedi e viene fuori  che mia figlia non c’è verso di schiodarla dal passeggino,  no way! E tutti i brava non contano piú nulla!

Ci vorrebbe un veicolo di transizione, che non abbia nulla a che fare con un passeggino, ma che permettesse di soddisfare, almeno all’inizio, la pigrizia di mia figlia.  Qualcosa tipo il carretto della Kaiku,  bello e green.  Oltre che bello poi sembra davvero  stabile e capiente,  cosa molto importante….perchè lo confesso: anche io ho paura di abbandonare il passeggino, che poi i quintali di roba che normalmente ci “ficco” sotto  non saprei piú come trasportarli!

Triciclo per mamme

Quante di noi hanno pensato di rimettere a posto la vecchia bici dopo la gravidanza per riuscire a fare un po’ di moto (visto che tempo per la palestra non ce n’è!). Ma poi quante l’hanno fatto? A Roma guidano come matti, e poi come vado a fare la spesa, e se poi cado dalla bici con la polpettina a bordo…Mamme! E’ arrivato Taga, il triciclo-bicicletta-passeggino! Trattasi di una bicicletta a 3 ruote trasformabile in 20 secondi netti in passeggino. Pedali fino al mercato e poi passeggi rilassata tra i banchi della frutta, pedali fino all’isola pedonale, e poi col passeggino ti prendi un aperitivo con le amiche. Un oggetto bello perchè funzionale, bello perchè intelligente…e non lo dico solo io, lo dicono anche tutti i premi che ha vinto: EuroBike 2008 Award, reddot product design Award 2009, e il Kind + Jugend Innovation Award 2009. Comunque come al solito vi consiglio di andare a vedere di persona sul loro sito per informazioni dettagliate e una gallery molto convincente.