Sedie alte

Seggiolone Ovo by Micuna

Highchiar, in effetti il termine anglosassone è molto più intuitivo di “seggiolone”, come diciamo noi. E questo bellissimo Ovo della spagnola Micuna è davvero bellissimo (qui la board su Pinterest). Una sedia alta, di alto livello, design impeccabile, semplice, che cresce con il bambino. E per fortuna che noi abbiamo già dato altrimenti sarei davvero tentata di spendere una fortuna. E poi lo so come andrebbe a finire, la mia cucina sfigurerebbe di fronte a tanta bellezza e mi verrebbe anche la voglia di cambiarla per una davvero all’altezza…comincerei a non riuscire a vivere più senza una cucina Dada (il mio sogno!)

Da poppante a tronista…

Stacking Throne by Laurens van Wieringen…il passo sembra davvero breve! Oggi ancora un guest-post, questa volta l’autrice è una collega design-blogger Emporio74, il suo infatti è infatti un blog davvero bello e pieno di ispirazioni di  arredamento e home lifestyle. Essendo anche lei mamma, di un bimbo di 5 anni, è sempre alla ricerca di oggetti per la cameretta e novità dal modo del design come la segnalazione che ci propone oggi.

Laurens van Wieringen e’ un designer olandese dalle idee sorprendenti, grande esploratore di forme e materiali da utilizzare per le sue fantastiche creazioni. Come questa geniale seduta per bambini: lo Stacking Throne.  Una seduta formata da una poltroncina di base e una serie di elementi impilabili l’uno dentro l’altro  fino a formare un seggiolone. Quando non è seggiolone, i singoli elementi colorati possono essere utilizzati come ulteriori sedute o come scaffali. Comodissimo per chi ha poco spazio ma tanta voglia di divertirsi. La base è in legno e acciaio mentre i singoli elementi sono di morbida schiuma in modo da essere sicuri e agevolmente maneggiabili dai bambini.
Purtroppo questa splendida seduta è stata realizzata in unico esemplare su commissione e, al momento, non è in vendita (a meno che lo studio presso il quale lavora Van Wieringen non abbia ripensamenti).

Il seggiolone: consigli per l’acquisto

seggiolone Ikea Antilop fodera BurdaAppena seppi di essere in attesa cominciai a mangiare sano, smisi di fumare e…cominciai a leggere! Sono arrivata al parto quindi abbastanza preparata (non lo si é mai davvero naturalmente!) e devo dire che anche la casa era pronta a ricevere la stellina in arrivo. Dopo il parto naturalmente ho smesso di leggere tanto e così dopo i primi mesi sono emerse le prime lacune, e ho commesso i primi grandi errori! Il più grande é stato il seggiolone acquistato! D’un colpo la bimba mangiava, e tanto!, ma in casa ancora non c’era il seggiolone! Io mi ero fissata che ne volevo uno tradizionale, con il vassoietto annesso, quindi il tanto amato TrippTrapp della STOKKE era stato subito eliminato. Insomma alla fine ridotta all’ultimo momento ho comprato il primo seggiolone che ho trovato senza pupazzetti e fiorellini, tutto di plastica, un coso enorme, un impiastro ingombrantissimo! I nonni smart invece alla modica cifra di 15 euro si sono comprati il seggiolone Ikea Antilop, quello che si trova in ogni ristorante praticamente (tranne che in quello di J. Oliver che a quanto pare ha scelto l’amato Tripp Trapp, leggete qui). seggiolone design re-produkte berlino ecologico Comodo, pratico da pulire, leggero e facilmente trasportabile, dalle linee pulite, il tutto ad una cifra irrisoria. Dubito che sia BPA-free peró io mi sento di consigliarlo a tutti. Se però siete genitori moderni e design-addicted allora vi consiglio re-serve (eccolo qui) della berlinese re-produkte significa proprio questo: creare prodotti pratici come quelli di con un attenzione maggiore ai materiali ed alla , che ho scovato nell’ultimo viaggio a Berlino. Un seggiolone tutto sommato tradizionale, dal design essenziale, forme leggere, materiali resistenti e lavabili, insomma un’ottimo esempio di design per bambini. E forse oggi fare design di qualità significa proprio questo: prodotti pratici e semplici come quelli Ikea con un attenzione maggiore ai materiali ed alla sostenibilità…chissà…

p.s. Se volete dare un tocco personale al vostro Antilop (e limitare l’esposizione a plastica non ecologica) vi consiglio questo free pattern (qui) da scaricare gratuitamente dal sito Burda Style (da dove ho preso la foto).