Ancora Lina

Lina front facing bookshelf by designperbambini.itEd eccoci qui, con il caldo che infuoca Roma e la pioggia che bagna Berlino, Lui da solo a Roma, io con i bimbi ed i suoceri a Berlino. Il tutto organizzato volontariamente dalla sottoscritta in un raptus di masochismo! Io lavoro da remoto, la ciccia è all’asilo con le sue amichette del cuore berlinesi, il ciccetto invece è spupazzato dai nonni che, sebbene diversi per tante cose dai nonni tradizionali, alla fine per fortuna si sciolgono in un brodo di giuggiole come nonni tradizionali pure loro!

Ed il mio corpo è un po’ confuso, stanco come sempre prima delle vacanze, ma con il freddo dell’autunno che è tipico dell’energia da rientro dopo le vacanze.

Con la lentezza che si confà alle temperature di luglio mi sono rimessa da un mesetto sulle mie Lina, con calma mi ci sono dedicata e gli ho dedicato del tempo. Tempo per riprenderle in mano, per montarle e per fotografarle ancora, tutte e quattro. La quarta infatti, la mensoLINA-lampada ancora non ve l’avevo presentata. Ed eccola, di nuovo fotografata dalla bravissima Marie Sjoberg.

[Leggi tutto]

Ecco Lina

Lina menso-lina per bambini disegnata da Valentina BeatoEd eccoci qui, dopo tre lunghi anni di segnalazioni di design per bambini, oggi per la prima volta vi propongo un prodotto ideato da me, mi metto in gioco in prima persona e vi mostro il frutto di tante discussioni, di tante serate a fare e disfare. Eccola qui, la mia prima piccola collezione di elementi per la stanza dei bambini. L’ho chiamata Lina, la mensolina per bambini che vi presento oggi, un nome allegro e giocoso, come mia figlia che me l’ha ispirata, durante le innumerevoli sere che ho trascorso leggendole un libro per addormentarla. Le sere ho lo yoga di corsa a casa, il cinema con gli amici al secondo spettacolo (rischiando di dormire per metà del film!), raramente ho mancato l’appuntamento serale con il libro preferito di turno. Un gesto consueto, dolce, intimo che mi ha ispirato le mie Lina, un gioco di parole, un gioco di forme e sagome.

Eccola a voi dunque, Lina, una collezione di mensoline per bambini, pensate per accogliere i libri preferiti, gli oggetti del cuore, i disegni più ispirati. Degli elementi giocosi ed allo stesso tempo funzionali, dei piccoli sipari per dare risalto e visibilità a libri e giochi, per offrire stimoli visivi, per ispirare, per tenere sempre a portata di mano gli oggetti più amati, più usati. Accanto al letto offrono spunti per dolci letture, sopra al tavolino accolgono matite e fogli colorati, vicino l’armadio sono uno stimolo per imparare a prendersi cura di sé. Lina è una collezione di elementi per la stanza dei bambini pensata per accompagnare i piccoli gesti nella quotidianeità di un bimbo, l’abbandono nel sonno ed il risveglio, momenti piccoli e magici.

Dietro tutto c’è la solita convinzione: che il bello è fatto di linee semplici e chiare, che da un oggetto funzionale e ben pensato possano instaurarsi buone e sane abitudini.

Non posso non ringraziare in questa occasione gli amici che mi sono stati ad ascoltare, chi mi hanno dato consigli, che mi hanno sostenuto, che mi hanno convinta a lanciarmi. Ringrazio in particolare Lui, un tipo non dai facili entusiasmi, ma sempre lì a sostenermi, la mia cara amica Marie, che dall’oggi al domani si è messa a disposizione con la sua macchina fotografica, la sua bravura ed il suo gusto speciale, Pierluigi e Sara che sono stati critici preziosi ed attenti “beta-testers” (la riconoscete la mia amica Lulù?).

Le mie mensoline Lina sono ora a Milano, custodite da mani benevole, ma non vi dico altro al momento, ripassate da queste parti domani e andate a sbirciare cosa bolle in pentola dalle FunkyMamas…insomma, stay tuned!