Rotelle fuori posto

TriobikeAvevo in mente tutto un altro post, ma questo evento non potevo lasciarlo incommentato: la mia ciccetta domenica scorsa ha fatto la sua prima pedalata senza rotelle! Merito di uno zio fiducioso (zio acquisito questa volta, e molto meno sposato alla causa della zia Mary!) e del training con la bici senza pedali (la Jumper LikeaBike), una follia di due estati fa!

Questa volta però non compreremo una bici superspaziale, ammortizzata e con telaio in alluminio, a questo giro abbiamo deciso che andremo a scegliere una bicicletta da bambino tra le tantissime abbandonate in una delle tante Ciclofficine di Roma e la ciccia collaborerà con il suo papà ad aggiustarla e personalizzarla.

Anche nella to-do-list delle cose che voglio riprendere a fare questa stagione autunno-inverno 2011-12 ho messo anche l’andare in bicicletta. Senza bimbi però che in città con il seggiolino sono un po’ paurosa. Un papà mi ha segnalato questa bicicletta really, r.e.a.l.l.y stylish, la danese TrioBike (che non voglio sapere neanche quanto costa!) che rivisita la super-classica Christiania Bike in versione minimal-chic però. Questa poi è addirittura trasformabile, perfetta quindi per passeggiate a tre con i pupi, ma anche per pedalate in solitaria per raggiungere le amiche per l’aperitivo (speriamo presto di nuovo!!!!)

Il passeggino Joolz

Passeggino Joolz DayChi mi segue da un po’ avrà di certo notato che oltre a non segnalare mai lettini con le sbarre, io non ho neanche mai segnalato passeggini. Il motivo è naturalmente puramente personale: noi a suo tempo abbiamo così faticato nel compiere la scelta, abbiamo sentito così tanti pareri discordanti tra altri amici e colleghi futuri-genitori al corso pre-parto che mi sono convinta che la scelta del passeggino è una cosa personale, un po’ come la scelta del nome. Per questo quando poi ho cominciato a scrivere il blog non me la sono mai più sentita di fare sengnalazioni o dare consigli su questo annoso tema! Poi un giorno ho ricevuto una mail molto simpatica che si concludeva così:

“Insomma, quello che volevo dire è complimenti, esiste una mamma con occhio per il design, che guarda oltre l’orizzonte e che vuole condividere tutte queste bellissime scoperte con il suo pubblico online!”

In seguito ho scoperto che a scriverla è stata la country manager della Joolz (www.my-joolz.it) che produce il passeggino Joolz Day, disegnato con un occhio allo stile ed al design, ma soprattutto con una grande attenzione all’ergonomia, nel pieno rispetto quindi delle esigenze del bimbo ma anche dei genitori che lo scorrazzano per la città!

Da quella mail è nata un’interessante conversazione on-line ed alla fine Leida Willing, mamma , appassionata di design e manager olandese in Italia da be 8 anni e si è fatta intervistare e racconta su Design per Bambini della sua passione per il design, dell’Italia e degli italiani come mamma e come country manager della Joolz. Buona lettura!

[Leggi tutto]

Pulizie di quasi estate

p

passeggino giocattolo in lego

Con la recente vacanza nazionale sono riuscita a fare un po’ di pulizie a casa, ma non di quelle pulizie che levano lo sporco. Sono state di quelle pulizie che levano il disordine, la disorganizzazione e l’irrazionalitá nel sistema di storaging di una casa. Mi sono spiegata? Naturalmente sono riuscita a portare a termine solo in una minima parte di quello che avevo in mente. Tra le poche, cose sono riuscita a riorganizzare i giochi della piccola. Ho ridato un luogo preciso a tanti giochi che ultimamente finivano troppo spesso in una cesta a caso, ne ho tolti alcuni e ne ho tirati fuori di altri. A casa nostra infatti abbiamo uno stanzinetto che mi permette di alternare i giochi della gnoma, di nascondere magari giochi che sono troppo difficili, oppure giochi troppo faticosi per me. Per capirci i barattolini per la digitopittura per esempio li tengo nascosti nello stanzinetto e li tiro fuori solo quando sono psicologicamente pronta! In questa session di riordine  ho tirato fuori dopo ben 3 mesi di “isolamento” il passeggino-giocattolo ed è stato come amore a prima vista, come se le avessi fatto un regalo tutto nuovo! Il nostro passeggino non è di legno o ecologico come quello che vi mostro (della tedesca Haba), ma comunque ha compiuto la magia: con il passegginetto giocattolo siamo arrivate a piedi fino al supermercato! Evviva!

Triciclo per mamme

Quante di noi hanno pensato di rimettere a posto la vecchia bici dopo la gravidanza per riuscire a fare un po’ di moto (visto che tempo per la palestra non ce n’è!). Ma poi quante l’hanno fatto? A Roma guidano come matti, e poi come vado a fare la spesa, e se poi cado dalla bici con la polpettina a bordo…Mamme! E’ arrivato Taga, il triciclo-bicicletta-passeggino! Trattasi di una bicicletta a 3 ruote trasformabile in 20 secondi netti in passeggino. Pedali fino al mercato e poi passeggi rilassata tra i banchi della frutta, pedali fino all’isola pedonale, e poi col passeggino ti prendi un aperitivo con le amiche. Un oggetto bello perchè funzionale, bello perchè intelligente…e non lo dico solo io, lo dicono anche tutti i premi che ha vinto: EuroBike 2008 Award, reddot product design Award 2009, e il Kind + Jugend Innovation Award 2009. Comunque come al solito vi consiglio di andare a vedere di persona sul loro sito per informazioni dettagliate e una gallery molto convincente.