Arriva un carico

Kids ceramic plates by polnish ŚLIWIŃSKI BOGUSŁAW via designperbambini.it

Quanto è faticoso gestire l’alimentazione della famiglia. Se penso a quanto sia difficile per un bimbo imparare a camminare, imparare a parlare, ecco allora non capisco perché ci vuole così tanto per imparare a cucinarsi da soli!  E quindi vi confesso qui che per noi, entrambe impegnati in un lavoro full-time, entrambe non particolarmente bravi in cucina, la gestione anche solo della cena (i nostri figli pranzano entrambe alla mensa del nido e della materna) è faticosa, davvero tanto.

Quando torniamo a casa dopo la giornata di lavoro per noi è assolutamente inammissibile togliere tempo ai figli per preparare manicaretti, ed allo stesso tempo è altrettanto inammissibile rinunciare alla buona cucina, ad una dieta sana e variegata, e cedere a cibi pronti, surgelati e simili. Come tante donne io infatti non amo rendermi la vita facile. La mia soluzione alla questione è la programmazione, i menù settimanali ed il preparare la cena sempre la sera per il giorno dopo. Portare la cena a tavola quindi è un task al quale dedico massimo 10 minuti. Il tempo in più che mi prendo è per giocare a tavola con i bimbi. Per ora siamo solo io e la ciccetta che andiamo matte per il food  styling. Che siano le carote (somministrabili ai pupi solo se crude) o gli spicchi della mela, ci divertiamo sempre a creare forme e geometrie e questi piatti fanno proprio al caso nostro!

Li ho trovati su uno shop on-line dedicato al design made in Poland, purtroppo non sono riuscita a trovare il sito del produttore, quindi eccezionalmente oggi vi segnalo un prodotto con un link al negozio e non al designer.

 

Sedie alte

Seggiolone Ovo by Micuna

Highchiar, in effetti il termine anglosassone è molto più intuitivo di “seggiolone”, come diciamo noi. E questo bellissimo Ovo della spagnola Micuna è davvero bellissimo (qui la board su Pinterest). Una sedia alta, di alto livello, design impeccabile, semplice, che cresce con il bambino. E per fortuna che noi abbiamo già dato altrimenti sarei davvero tentata di spendere una fortuna. E poi lo so come andrebbe a finire, la mia cucina sfigurerebbe di fronte a tanta bellezza e mi verrebbe anche la voglia di cambiarla per una davvero all’altezza…comincerei a non riuscire a vivere più senza una cucina Dada (il mio sogno!)

Piccoli inviti a cena

Dinner for two - Kids Tableware

Dinner for two – Kids Tableware by designxbambini on Polyvore.com

Vorrei ricominciare ad avere ospiti in casa e mi piacerebbe creare un piccolo spazio dove i bambini mangino da soli, lontani dal perenne controllo dei grandi, un tavolo alla loro altezza, dei cibi divertenti, apparecchiatura a loro misura ma che li guidi a diventare grandi

Così finisce la recente intervista a Mamma Cattiva. La segnalazione giusta per questi desideri non ce l’ho, preferisco quindi provare a ricreare un’atmosfera, una piccola selezione di ogetti allegri e colorati, ma non infantili, che ben si integrano in un contesto come una cena tra grandi. Piatti di coccio, bicchieri di vetro e posate di metallo quindi, da sistemare semplicemente sul tavolino della sala che di solito ospita riviste e soprammobili, usando semplici tovagliette, o magari solo strofinacci  con piccoli decori.

E che abbia inizio la danza delle portate!

Set creato su Polyvore, per i dettagli sugli items andate qui.


Il packaging é tutto!

ywater pakaging project from fuseprojectMia figlia ultimamente non mangia…anzi “non mi mangia”, tanto per omaggiare il bel libro di Carlos Gonzàlez! La nonna pensando di fare bene, per darle qualche vitamnina ha cominciato a comprare  vaschette di mousse alla frutta. L’etichetta dice 100% frutta, non ci sono segni di alcun additivo  o colorante, ma io preferisco la frutta fresca e continuo ad insistere. Nulla da fare, ultimamente la frutta non la vuole più (la verdura invece non la vuole ormai da un pezzo!), vuole solo la purea confezionata che c’é dalla nonna…ed io mi danno! Preoccupata per una qualche malattia da carenza vitaminica ho ceduto e ho ricominciato a frullare la frutta come al tempo delle prime pappe. E sta puzzona de ragazzina (perdonatemi l’accento romano!) ancora niente! Non ha voluto la frutta fresca neanche sotto forma di purea….disgraziata!

Alla fine ho conservato delle vaschette di alluminio della mousse di frutta comprata, ho frullato la frutta fresca e gliel’ho messa nella vaschetta fingendo di averla appena aperta: il packaging é tutto, frutta finita! Risparmio, riuso, riciclo!
[Leggi tutto]

Design anche a tavola

Posate per bambini di Kay BojesenContinuo a parlarvi di classici del design con le posate di Kay Bojesen disegnate nel lontano 1951, prodotto che gli valse il primo premio alla Triennale di Milano nello stesso anno. Non so voi, ma io trovo queste posate davvero intelligenti! Chiaro, i bambini devono sperimentare, toccare e sentire il cibo che mangiano, ma se poi si decide di insegnare loro a mangiare con le posate allora queste sono quelle migliori con cui cominciare. Con delle posate di design come queste però ci vuole la ricetta giusta per non sfigurare, e risorse di cucina all’altezza di tali utensili sono a mio parere Il pasto Nudo, un blog di cucina consapevole, ed Il Cucchiaino di Alice, con fantastiche ricette e consigli per lo svezzamento.

[Leggi tutto]