Laboratori per bambini

7886cf9dbc3157d26567bad31721203aIl fine settimana torinese si avvicina ed io colgo l’occasione per parlarvi di un designer eclettico e simpatico che avrò il piacere di incontrare proprio a Torino, nell’ambito di Operae.

Insieme ad altri artisti Luca Boscardin animerà il fitto programma di laboatori per bambini curato da Yellobasket.it ed ospitato nella tre giorni di Operae a Torino questo fine settimana. Consiglio quindi a tutti i genitori in zona di studiarsi bene il programma qui.

Di Luca vi ho già parlato in passato, quando vi ho presentato gli adesivi murali di stoffa Peridea, di cui Luca ha ideato ben due serie. Luca è anche il designer dietro alcuni elementi della collezione Totem della Kidsonroof, ma soprattutto Luca Boscardin è autore di una piccola serie di illustrazioni davvero bellissime sui rumori domestici, che vi mostro in questo post. Di questa serie adoro lo stile retrò e l’eleganza giocosa, l’equilibrio perfetto tra segno ed immagine.

Questa di oggi poi è anche la segnalazione giusta per questo periodo in cui vedo mia figlia giocare con le lettere e con i suoni. Le ho mostrato i quadri e lei si è divertita tanto nello scoprire la sinergia tra immagine, segno e suono.

 

L’ultima volta di Monsieur P.

L'ultima volta di Monsieur P. via designperbambini.it
Comincia oggi una piccola serie di interviste in vista dell’ultimo dell’anno. Alla ricerca di cose belle da regalare, di cose su cui riflettere, di ricordi da portarsi dietro, chiedo questo dicembre a persone amiche, a persone vicine, a persone che ammiro, la loro ultima volta e segnalazioni di qualcosa che parli di loro..
Comincia questo tour di ultime volte
Pierluigi Riccio, in arte Monsierur P: papà, illustratore, art director, spilungone.

DxB: L’ultima volta che ti sei sentito impreparato.
MP: Difficilmente mi troverai impreparato, studio molto ma se dovesse succedere ho sempre con me la giustifica firmata dai genitori.

DxB: L’ultima volta che hai dato una carezza.
MP: Qualche minuto fa, ho appena messo a letto mio figlio Lorenzo dopo avergli raccontato la storia del vecchio e il mare augurandogli di tornare a casa ogni sera con una rete piena di pesci.

DxB: L’ultima volta che hai detto una bugia.
MP: Solo bugie bianche, come mi suggerisce dalla regia mia moglie, un’esperta.

DxB: L’ultima volta che saresti voluto scappare.
MP: Tutte le volte in cui sono circondato dal cattivo gusto, dai colletti delle polo alzate, da Hogan assassine.

DxB: L’ultima volta che ti sei meravigliato.
MP: Domenica 7 Ottobre, dopo aver tagliato il traguardo dell’Eroica, 135 km tra le crete senesi in sella a bici d’epoca, non credevo di farcela eppure ero lì, esausto, lurido come un meccanico a fine giornata, completamente ricoperto di polvere e con un sorriso ebete stampato in faccia.

DxB: L’ultima volta che sei andato a letto soddisfatto.
MP: Vado a letto soddisfatto quando termino un’illustrazione, quando Lorenzo ha avuto una buona giornata, dopo un bel giro in bici, dopo aver cucinato per gli amici, quando mi abbandono tra le braccia di Sara dopo averle fatto l’amore.

Queste le ultime volte che Pierluigi ci ha voluto raccontare. Quelle che vedete poi sono una selezione di oggetti cari ed amati, la macchina reflex che ha sempre sognato (1), la Eames che non si godrà mai (2), perchè davvero troppo piccola per le sue gambe lunghe. Pierluigi poi aspetta di diventare papà per la seconda volta e questo ha ispirato una delle sue ultime illustrazioni (3), appena può salta sulla sua bici per schiarirsi le idee (4), tiene sempre sul comodino il Partigiano Jonny (5), forse perchè come me non è mai riuscito a finirlo, adora balene e vogatori (6), canta Marvin Gaye a squarciagola (7). Presto potrebbero esserci delle sorprese, Monsieur P. ha un progetto di fine paper goods che potrebbe vedere la luce durante il prossimo anno (8), lui comunque cerca  sempre la strada più costruttiva per tutti (9).

Rimanete sintonizzati, presto altre ultime volte.

Kindergallery

Hanna Melin artwork via designperbambini.itI am really happy to have the possibility with this post to introduce you to the fantastic world of Kindergallery, an art gallery for children, based in Sydney and with a second home in Berlin! This post as you see is particular: I write it here in English and you will find the Italian version on Mercatino dei Piccoli, a great blog I started to collaborate with.

I highly recommend to visit the on-line gallery that Fiona decided to set up as she become a mum. In this magic place you will find an interesting selection of evocative paints, colourful prints, funny mobiles and handcrafted objects. I also really appreciate how Kindergallery approaches their young visitors:
You may not be at art school. Maybe you have not even started school yet. But, even if you cannot walk or talk, when it comes to art, you know what you like.”

Hanna Melin artwork via designperbambini.it
Moreover Fiona, the curator and owner of kindergallery, loves Berlin (as I do!) and when she stays there with her family she enjoys the city and meet up with artists from all over the world. Her favourites end up in Kindergalley.
Akari from Mercatino dei Piccoli managed a free shipping for the orders that our readers will make in he month of October(*) , so thanks Fiona for the great curator job with Kindergallery and thanks Akari for arranging this great offer for all of us!

(*) You will need to put “mercatinodeipiccoli” in the Additional Information section of our order form to get free postage on you order.