Roma Contemporary

Paula e WIP al Roma ContemporaryA Roma, che io personalmente considero una capitale provinciale, lo scorso week-end si è tenuta la fiera di arte contemporanea Roma Contemporary, quest’anno rinnovata nell’organizzazione, ed aperta non solo agli addetti ai lavori, ma anche al pubblico, pubblico fatto di persone anche come me, abbastanza a digiuno di arte contemporanea e completamente all’oscuro di tutto il “mondo” intorno alle gallerie d’arte.

[Leggi tutto]

Easter bunny

easter bunny by designperbambini.itEro convinta che il coniglietto di Pasqua fosse una tradizione americana arrivata qui come tante altre, che c’entra un coniglio con le uova, mi dicevo, le uova sono appannaggio della gallina! Ed invece grazie a wikipedia mi sono ricreduta, il coniglietto di Pasqua è una figura magica, che ha origini lontane nel tempo. Quest’anno quindi la nostra tradizionale caccia alle uova (la mia ciccia cercava già uova di cioccolata quando ancora non sapeva cosa fosse la cioccolata!!!) sarà anche un po’ la caccia ai coniglietti magici. Questa Paqua poi i coniglietti ce li porteremo fino a Londra, dove ci aspetta il nostro Onkel Dandy, trasferitosi da poco da Berlino a Londra, e che ci ospiterà ni una casa a sua detta molto bohemien (che secondo me significa molto zozza!) e li nasconderemo lì.

L’idea mi è venuta qualche giorno fa, ma è stata implementata tra questa notte e quei 15 min questa mattina che i bimbi (senza scuola ed asilo) sono stati tranquilli a giocare tra loro. Questo per farvi capire che è un progettino davvero alla portata di tutti. Basterà stampare il pdf che potete SCARICARE QUI, ritagliare ed unire i due coniglietti in modo da poterci nascondere dentro gli ovetti e le caramelle per la caccia.

Io ho usato del praticissimo e bellissimo washi tape, del nastro adesivo di carta colorato e removibile, che ultimamente si trova in vendita in Itala alla Upim (dal Giappone fino alla Upim, che viaggio improbabile!).

Come vi dicevo, io li userò per la caccia alle uova, ma questi coniglietti sono perfetti come segnaposto per decorare la tavola pasquale, o semplicemente come gioco da colorare.

Spero davvero che piacciano anche a voi, la mia ciccia se ne è innamorata ed ha preteso che le facessi anche delle carotine per non farli morire di fame!

Kids party made easy

My Little Day Party Kit

Post doppio, per raccontarvi di una scoperta fatta con una settimana di ritardo, e del nuovo sponsor che da metà gennaio è gradito ospite del mio blog.

My Little Day è una casa francese specializzata in feste per bambini, che offre una vasta gamma di decorazioni e accessori per festeggiare i nostri piccoletti, e The KidsboutiK della bravissima Donatella è il nuovissimo sponsor di Design per Bambini, nonchè l’e-commerce che in Italia vende in esclusiva prodotti e party-kits di My Little Day. Per il prossimo compleanno quindi so già dove comprerò tutto il necessario!

Questo week-end sarò a Parigi per Playtime e spero di incontrare Donatella di The Kidsboutik e Grabriella e Dorothée di My Little Day. Chi ci sarà di voi?

Un calendario dell’avvento

Calendario dell'avvento by Snug STudioAllora siete stati bravi anche quest’anno ed avete regalato ai vostri bimbetti un bellissimo calendario dell’avvento fatto con le vostre manine, magari ispirandovi a qualche tutorial visto on-line? Vi ammiro perchè io invece quest’anno nulla! E visto che mia figlia, nonostante le tendenze di scolarizzazione, non sa ancora contare fino a 24, io il calendario quest’anno lo faccio in ritardo e quindi più corto, ah! L’idea che quest’anno mi è piaciuta di più (e che mi sarebbe piaciuto realizzare se solo fossi riuscita ad organizzarmi un paio d’ore di pace a casa) è questo davvero particolare fatto da  Kerstin di Snug Studio. Vista la situazione invece credo che opterò per un più semplice matchbox advent calendar come questo che a occhio e croce sembra molto meno impegnativo. Il calendario che vi mostro invece è una delle tre varianti commissionate alla bravissima Kerstin dalla rivista tedesca Nido, una via di mezzo tra l’Espresso ed un femminile di livello tutto declinato sulle tematiche della famiglia,  per le famiglie moderne appunto. Snug Studio ha anche una piccola collezione di prodotti di design per la casa e per la persona tutti bellissimi, tra cui delle adorabili tavolette in legno per la prima colazione.

E voi a cosa vi siete ispirate?

Lanterne di carta

la stanza della nanna nell'asilo nido Rigotondo di MilanoOggi vi mostro qualche esempio creativo di utilizzo delle comunissime lanterne di carta. Noi in casa non le abbiamo mai avute, mio padre ha sempre odiato questo tipo di lampadari perchè diceva che gli ricordavano i tempi alla casa dello studente, quando era uno squattrinato universitario. A me invece non dispiacciono e ho pensato di mostrarvi qualche esempio per personalizzare la stanza dei bambini con pochi soldi e un po’ di manualità. Il primo esempio in realtà è duplice, trattasi infatti della stanza della nanna dell’asilo Rigotondo di Milano. Nella stanza c’è un bellissimo murales di Francesca Quatraro, bravissima illustratrice italiana nonchè guest-illustratrice della testata di questo blog. E’ proprio grazie al blog header che Camilla e Valeria, fondatrici dell’asilo, l’hanno conosciuta e le hanno chiesto di affrescare una stanza del loro asilo. Come vedete dal soffitto pende una pioggia di lanterne di carta che creano davvero una bellissima atmosfera.

Qui invece vi mostro il risultato di una personalizzazione semplice ma davvero d’effetto, trovate i dettagli su come realizzarla da voi qui. Anche sul mitico Ikeahacker c’è qualcosa in tema, andate a vedere qui. Da quest’anno comunque Ikea ha introdotto i lampadari lanterna anche in diverse tonalità di colore ed anche io sinceramnete ci sto facendo un pensierino!

light lantern by Mimilou

Se invece siete propio pigri vi consiglio questi della francese Mimilou, di cui adoro

soprattutto gli stickers dallo stile discretamente romantico.

Anche voi avete un lampadario lanterna in casa?