Venite a conoscermi!

La casa con lo scivolo progettata da Level ArchitectsDomani 21 Aprile alle 18 sarò alla libreria Ponte Ponente di Roma (metro A Ponte Lungo) a parlare di casa a misura di bambino. Insieme al pubblico si parlerà di come come rendere la casa funzionale e piacevole nel rispetto delle esigenze di grandi e piccini.

Vi aspetto!

La segnalazione di oggi è una casa con tanto di scivolo a Tokyo progettata dallo studio Level Architects, una casa davvero pensata intorno alle esigenze dei bambini!

Piccole impronte

Piccole Impronte shop by Designwerkstatt

Poco prima di Natale mi ha scritto Marcello Ligabue dello studio Sudio Designwerkstatt per segnalarmi un loro recente lavoro che non posso non portare all’attenzione dei miei lettori! Si tratta di un negozio di scarpe per bambini per il quale Marcello ed i suoi collaboratori hanno progettato gli ambienti, ideato una linea di sedute per i loro piccoli clienti e ideato una grafica essenziale e decorativa al tempo stesso. Il risultato è davvero ottimo.

Piccole Impronte by DesignwerkstattL’atmosfera del negozio mi piace davvero molto, la libreria espositore ed anche gli stickers dietro la cassa, tutto naturalmente appositamente studiato per questo progetto. La buona notizia poi è che Marcello e lo staff di Designwerkstatt stanno già lavorando per ampliare e aggiornare la collezione dei mobili adesso limitata alle sedute a forma di animali per una messa in produzione! Attendiamo quindi nuovi sviluppi con curiosità!

Piccole Impronte è un negozio di scarpe per bambini a Correggio.
Le foto del negozio sono opera di Otello Annigoni.Piccole Impronte shop by Designwerkstatt

In giro per Berlino

Come vi dicevo nell’ultimo post siamo reduci da un viaggettino a Berlino, dove naturalmente ho trovato tante cosette da segnalarvi. Comincio subito con un gioco davvero vorrei ma non posso: mattoncini di legno Bauhaus, che la svizzera naef riproduce dal ’77 secondo il disegno originale custodito al Bauhaus Archiv di Berlino. Il design é di una delle donne più importanti del Bauhaus, Alma Buscher. I mattoncini hanno forma e colori diversi, e come mostra la scatola, permettono di dare vita ad infinite architetture. Questo gioco faceva parte della Kinderzimmer progettata dalla Buscher all’interno della “Haus am Horn” nel ’23 per la prima grande mostra del Bauhaus a Weimar.

Questo gioco, purtroppo tutt’altro che economico, l’ho trovato nel megastore Dussmann a Friedrichstraße, dove é in corso una piccola mostra sul Bauhaus. A Berlino inoltre si stanno per chiudere due mostre interessanti al Martin-Gropius-Bau, una su Le Corbusier ed una sul Bauhaus, mostre che ahimè con gnoma al seguito non sono riuscita a visitare…

Le foto le ho fatte con il cellulare, chiedo venia. Però mi interessava mostrare il packaging che trovo bellissimo di cui non ho trovato altre foto on-line. A presto con altre scoperte da Berlino!

Piccoli porcellini, grandi architetti

In una visita nella meravigliosa libreria Ponteponente (che ho conosciuto perché leggo regolarmente mamm@roma di Miss Piattins) ho scoperto un libro bellissimo: la favola dei Tre Porcellini che con il tocco magico di Steven Guarnaccia si trasformano nei tre grandi architetti Frank Gehry, Le Corbusier e Frank Lloyd Wright. Il lupo cattivo é impersonato da Philipp Stark che riesce a distruggere sia la casa di rottami del pigro porcellino Gehry (Casa Gehry), sia la Casa di Vetro di Philip Johson, ma ahimé non puó nulla davanti alla Casa sulla Cascata di Frank Lloyd Wrigh (sebbene questo miracolo di architettura abbia avuto non pochi problemi strutturali!). Un modo divertente e giocoso per avvicinare i bambini non solo ai masterpieces che hanno fondato quella che nella teoria architettonica é la modernitá, ma anche a molti oggetti classici del design industriale, come per esempio la sedia con braccioli Thonet, o il tavolo Tulip di Saarinen, solo per citarne alcuni. Infatti i tre porcellini sono illustrati in un mondo diciamo pure ad alta consapevolezza stilistica, in cui esistono solo cose di grande design. Il particolare notevole é un indice illutrato con i riferimenti (nomi, autori e date) di tutto ció che appare nel libro. Molto molto bello! Il libro é edito da Corraini, mitica casa editrice che pubblica anche tutte le opere di Munari.