Eclisse di mamma

Lampada Eclisse by Vico Magistretti for ArtemideDopo una settimana di preparativi, di liste di amichetti da invitare, di liste della spesa, di liste di cose da non dimenticare, sabato si è svolto il grande evento: la festa di compleanno della ciccetta che ormai, con 4 anni compiuti sul groppone, è una vera ragazzina, sfrontata, provocatoria e sicura del fatto suo. Alla festa c’erano amici, parenti, genitori mai visti neanche una volta, le bravissime ragazze di WorkInProject, una fotografa d’eccezione e tanto tanto rumore.

Ero convinta di esser sopravvissuta all’evento indenne, fino a quando ieri sera i miei occhi si sono chiusi in un sonno profondo alle 21 e 25: sono entrata in una specie di letargo, di eclissi di coscienza, mi sono eclissata per ben 11 lunghe ore! Stamattina ero fresca ed in forze per affrontare il delirio di un inizio di settimana senza alcun tipo di preparazione (cestino da preparare, il mio outfit da decidere, la cucina da disinfestare etc etc). Naturalmente abbiamo fatto tutti tardi…ma io sono serena, dopo 11 ore di sonno posso davvero affrontare questo ed altro, persino un lunedì cominciato in ritardo!

La segnalazione di oggi è perfettamente a tema, un classico del design italiano, la lampada da tavolo Eclisse di Vico Magistretti per Artemide. Io la trovo bellissima e soprattutto davvero adatta anche alla camere dei bambini, perfetta sul comodino come lucetta per la lettura della favola della buona notte.

Il mio guest-post su Bloesem Kids

Bloesem KidsE’ con sommo piacere che vi annuncio che oggi il bellissimo blog Bloesem Kids ospita un mio guest post in cui racconto qualcosa di me e qualcosa sul design italiano per bambini. Ringrazio quindi di cuore la bravissima autrice del blog Irene Hoofs (anche lei olandese!!!) per la cordiale ospitalità!

Nel guest post segnalo i bravissimi A4Design di Milano, Munari, Enzo Mari, Contemori Bottega Creativa e i bravissimi DueManiNonBastano.

…E poi mostro le foto del lettino Ikea che abbiamo hackerato alla Montessori per la nostra ciccetta! Correte a leggere qui!

La frutta di Enzo Mari

La Mela e La Pera by Enzo MaryEnzo Mari è uno dei grandi designer italiani che ha lasciato il segno anche nell’ambito del design per bambini. Di lui adoro soprattutto il piglio e la sfrontatezza…e soprattutto la mela e la pera! Oltre a bellissimi puzzle in legno, albi illustrati (pubblicati dalla Corraini), paraventi in cartone (sempre Corraini), Mari è infatti autore di una serie di litografie allegre e giocose sebbene dalla semplicità disarmante, che in questa foto (trovata dopo tanto cercare qui) emerge chiaramente: il motivo è quasi banale, ma nella sua semplicità elegante e… bello appunto! Credo che sia questo l’essenza di quel gusto che vagamente si definisce “minimal” …

P.S. Vi ricordate un mio vecchio post in cui mostravo alcune foto della stanza dei figli di Lisa Mahar, la proprietaria di un bellissimo negozio di design per bambini a NYC? Se andate a spulciarvi le foto del suo appartamento qui, troverete anche una bella mela di Mari nella stanzetta super-firmata dei suoi figli.

L’abitacolo di Munari

Abitacolo by Bruno MunariE’ davvero da parecchio tempo che volevo segnalarvi questa struttura per camerette dal sapore anni ’70 ideata da Bruno Munari nel 1971.

Munari secondo Paolo Mazzoleni

Ogni volta rimandavo per aver tempo di prepararmi meglio su questo personaggio davvero eccentrico e geniale, ma il tempo è ormai un bene di lusso ed allora eccomi qui a presentarvi quest’abitacolo e basta, completamente impreparata!

Adoro l’idea di che mia figlia possa avere un angolo privato tutto per lei e questa struttura si presta perfettamente ad essere un piccolo regno a statuto autonomo che ogni bambino può organizzare e reinventare in completa anarchia. Da notare poi che la struttura regge ben 20 persone!

Questo classico del design è stato riproposto dalla italiana Robots un paio di anni fa (un bell’articolo sulla Robots qui), ma in giro ce ne sono ancora esemplari originali, come questo rosso reinventato da un papà e postato su Flickr.

La sedia Acapulco

Mini Acapulco chair by Oficina KreativaNon sono riuscita a trovare il designer, su qualche blog scrivono addirittura che il designer sia sconosciuto, comunque l’iconica sedia Acapulco evoca pomeriggi nei lontani anni ’50 in compagnia dei Kennedy e cocktail party hollywoodiani con Sinatra e John Wayne! Un paio di anni fa la poltroncina in ferro e corda di plastica è stata riportata in auge da uno studio di design messicano-svedese, Oficina Kreativa, che della sedia Acapulco propone anche una versione mini per bambini, perfetta per pigri pomeriggi tra giochi e chiacchiere. Oggi poi, cercando delle oilcloth fabrics dal gusto kitch per la mia cucina, ho scoperto che anche la Kitsch Kitchen, ditta messicano-olandese,  ha da poco introdotto in catalogo con diverse varianti della poltroncina sia per grandi che per piccoli e con una meravigliosa versione divanetto!

P.S: Marta di Yellowbasket.it è stata alla fiera Kleinefabriek ad Amsterdam ed ha immortalato lo stand di Kitsch Kitchen con le Acapulco in bella vista, andate a sbirciare su loro blog qui!