Inviate dal Salone

Vitra stand at Salone del Mobile 2013Oggi ho il pacere di presentarvi una preview del Salone del Mobile grazie a Marta ed Alice di YellowBasket.it che hanno gentilmente accettato questa collaborazione. Proprio il giorno dell’innaugurazione loro erano lì, per lavoro oltre che per interesse personale chiaramente, a scovare novità per il loro fantastico shop.

Io ho preso appunti, speriamo di fare in tempo a vedere tutto…e tutti! Vi lascio quindi a loro ed alle loro foto. Inoltre vi consiglio un “focus post” dal loro blog sull’illuminazione.

“Il primo giorno di apertura del Salone del Mobile di Milano c’è sempre un gran traffico di giornalisti e fotografi in cerca di novità da pubblicare. Quest’anno anche noi ci siamo trasformate in reporter per raccontare in anteprima ai lettori di questo amatissimo blog i nostri primi coups de coeur milanesi.

[Leggi tutto]

Io ed il MoMa sul Corriere

Hang-It-All by the Eames at MoMaAccade che dopo più di tre anni di blog se un giornalista di un rinomato quotidiano italiano vuole scrivere un pezzo sul design per bambini prima cita il mio blog, e solo dopo cita la più importante mostra che il Moma dedica proprio in questi giorni alla storia del design per i più piccoli del secolo scorso, capito bene si? Dopo!!! (Leggete per credere!)

Il mio blog lo potete visitare sempre, lo sapete che voi lettori siete sempre benvenuti, la mostra “Century of the Child: Growing by Design 1900–2000″ invece potete visitarla solo affrettandovi a comprare un biglietto per NYC, avete tempo infatti solo fino al 5 Novembre. Tanti i pezzi, tra cui naturalmente il grande classico degli Eames che vedete in foto. Già qualche tempo fa chiedevo sulla pagina Facebook del blog se ci fosse qualche lettore/liker disposto a farmi da inviato da New York, ve lo richiedo qui, sarebbe davvero bello avere un resoconto dettagliato del più grande allestimento sul tema mai esposto credo. Il MoMa stesso dal sito ce lo conferma:  ”MoMA’s ambitious survey of 20th century design for children is the first large-scale overview of the modernist preoccupation with children and childhood as a paradigm for progressive design thinking.”

Aspettando un volontario reporter potete sbirciare il tumblr della mostra, con chicche sorprendenti….tipo questa!

La quinta malattia

Deluxe Art Center

Capitano periodi così, a Roma piove a Maggio, Lui è uno straccio causa brutto raffreddore, il nanetto non dorme più…e la mia ciccetta si è anche presa la più esotica delle malattie esantematiche, la quinta, quella dello schiaffo! La ciccia sta benissimo in realtà, il pediatra ci ha confermato che in teoria la piccola non dovrebbe neanche essere allontanata da scuola, ma mi ha consigliato di tenerla comunque un giorno a casa per evitarmi rogne con maestre ed altre mamme apprensive. Ed è così che siamo a lavorare da casa una accanto all’altra, io ho sgombrato il tavolo nella sala, lei si è trasferita qui accanto a me con il suo tavolino. Siamo un team affiatato: entrambe affaccendatissime, radio accesa e chiacchiere a ruota libera.

Utensilo by Vitra

Sebbene per lei io abbia voluto un tavolino semplice rettangolare, che fosse comodo per lei quando è sola, ma anche quando ci sono amichetti il pomeriggio o a cena (al tavolo ci si può sedere su tutti e 4 i lati, la ciccia ha già fatto cenette numerosissime!), questo tavolo, anzi questo craft center, sarebbe perfetto per una giornata di lavoro da casa come questa. Al solito è un prodotto americano, logisticamente lontanissimo dalla nostra portata!

Un’accessorio di design per uno stylish kids craft center un po’ meno impegnativo e decisamente utile e pratico, è il super classico Utensilo, rimesso in produzione da Vitra dopo anni nel dimenticatoio: 2 grandezze, 3 colori, di Dorothee Becker, datato 1970!o americano, logisticamente lontanissimo dalla nostra portata.

Utensilo via Alyssa Zukas.

Hallingdal 65

Zoo by Ionna Vautrin with Kvadrat fabricCome può diventare un tessuto un classico del design? Difficile da dire, probabilmente nel caso di Hallingdal 65, tessuto disegnato nel 1965 da  Nanna Ditzel c’è anche il supporto costante che la casa produttrice, la danese Kvadrat, ha sempre dato a questo prodotto, scegliendo sempre di lavorare con designer giovani e sperimentatori, capaci di lavorare con essenzialità di forme ma non di colore (connubio davvero raro!). Molti appassionati di design infatti non possono non ricordare tra le tante l’istallazione “Textile Field”.[Leggi tutto]

Cool daddy

Hardoy ChairLui è tranquillo, io parto per Parigi il week-end per una meritata boccata d’aria gelida parigina, per una meritata pausetta da tutto, e Lui resta a casa, tranquillo, sicuro di se, certo che tutto andrà benissimo, spavaldo e…rilassato! Bravo!

L’immagine del post l’ho trovata su Flickr cercando immagini belle per la famosissima sedia Hardoy, anche nota come Butterfly Chair. Prima o poi ce ne sarà una in casa mia (quando avrò trovato un mid-century sofa come questo magari), nel frattempo invece constato che di tante versioni for kids di sedie famose, questa qui ancora non è stata mai prodotta in versione mini. Eppure la stessa Knoll che la produce, offre una vasta gamma di illustri sedie in formato mini. @Knoll, cosa aspettate?

P.S. Lui non porta mocassini, tranquilli!