Richieste morbide

Fauna Pillowd by Ross Menuez for Areaware via designperbambini.it…E gnete, il dado è tratto, la letterina per Babbo Natale è stata scritta! La ciccetta per quest’anno ha chiesto un passeggino per la bambola con lo schienale reclinabile, non in legno (la ciccetta ha espressamente specificato!), due cuscini a cuore, un cuscino a stella ed altre 4 soprese. Dice che lo sa Babbo Natale cosa saranno queste sorprese. Io posso cedere sul passeggino non il legno, su un cuscino a stella, e magari anche su un cuscino a cuore…ma due no, due cuscini a cuore proprio no!

Ho trovato questa collezione di cuscini Fauna, disegnati da Ross Menuez per Areaware, sono bellissimi, per letture in compagnia di tante zampe nel nostro angolo morbido, o per nanne tra morbidi amici… credo proprio che Babbo Natale fa un salto a New York prima di passare da noi!

Nel bosco incantato

Casa Cabana di Kidsonroof customized by Agathe Singer via designperbambini.itDi Kidsonroof vi ho già parlato in passato, ma in effetti la casetta di cartone Casa Cabana non ve l’avevo mai segnalata. Adoro praticamente tutto di Kidsonroof, dalle panchette, alla casa di bambole, alla vasta collezione di costruzioni in cartone Totem che da poco vantano anche la collaborazione con Luca Boscardin, di Friday Project, di cui vi ho parlato nell’ultimo post sugli adesivi di stoffa Peridea.
Ma indsomma i lettori del mio blog ormai sono conoscitori del settore e la casetta in cartone Casa Cabana è ormai un grande classico. Vi segnalo però questa deliziosa customizzazione che ne ha fatto l’artista ed illustratrice Agathe Singer, andate a visitare il suo sito, io adoro le sue illustrazioni, delicate, eleganti e colorate allo stesso tempo, troverete anche la foto-storia di questo progetto passo passo!.
Bellissima la sua interpretazione di Casa Cabana di Kidsonroof, che grazie a Agathe diventa una casetta in un bosco incantato uscito fuori da qualche dipinto naif.

Lupetti di mare

Polar Route by Peridea via designperbambini.itNon amo gli stereotipi di genere, gli stereotipi in genere, ma ultimamente guardo il mio ciccetto, biondissimo con i capelli un po’ lunghi, che gioca con le bambole della sorella, con indosso i vecchi antiscivolo rosa della sorella ed in effetti mi chiedo se qualcosetta più maschia forse già non se la meriti! Ed anche riguardando un po’ i miei vecchi post mi è sorto il dubbio che non sia tutto un po’ pink-shifted.
Oggi quindi una segnalazione per maschietti, il progetto che Giacinta di Peridea ha fatto realizzare a Valentina Raffaelli e Luca Boscardin, in arte Friday Project, che arricchisce la collezione di stickers removibili in stoffa Peridea. Polar Route è un pesaggio nordico e glaciale, per esploratori solitari in erba, che fa tanto lupo di mare, futuro uomo misterioso e vissuto, bello ed impossibile, tanto tanto maschietto, no?!?!

Fiero menù settimanale

Collapsible Lunch Box via designperbambini.it

Vi è mai capitato di sentirvi cucito addosso un cliché che proprio non vi appartiene? A me di continuo e quello che mi brucia di più è il cliché della mamma, un cliché che non so da dove viene, fatto di donne fissate con l’igiene, di paure di colpi di freddo, di “Signora mia”, di sughettini e polpettoni di carne. Insomma un cliché di mamma media che io però poi intorno a me non vedo, forse solo retaggio di vecchi film che dovrebbero smettere di ritrasmettere. Io tutte ste mamme quadratiche medie non ne vedo! E però che sconforto vedere come i colleghi non ti invitano al cinema solo perchè ho due bimbi, che sconforto al supermercato quando gli sconosciuti mi regalano i punti della raccolta premi solo perchè nel carrello ho un pacco di pannolini…che sconforto!

Io invece mi impegno continuamente per evitarli tutti ‘sti luoghi comuni: non parlo mai di cacce e pipì a pranzo, non vado mai in giro con improbabili borsoni da passeggino trashissimi, ma nascondo sempre tutto dentro un borsone da biker, e non mi lamento! Non mi lamento mai se non ho dormito, non mi lamento perchè vorrei una giornata di 72 ore, non mi lamento se non riesco ad andare in palestra. Ogni difficoltà è una sfida. E quando le vinco queste sfide, quando a fine serata sono riscita ad incastrare la danza della ciccetta, la chiacchiera con la maestra, i soldi per la raccolta del momento alla rappresentante, la spesa, e magari sono ancora sveglia e ci scappa un cinema, beh allora mi sento invincibile, soddisfatta!

Cucinetta aperta

Pipedo cucinetta per bambini by Maria Piovano via designperbambini.it

La cosa bella, anzi sicuramente la cosa più bella dell’avere un blog seguito da tanti lettori è che entri in contatto con tante persone nuove, tante storie meravigliose, tante avventure intraprese con entusiasmo e convinzione. Così è stato quando mi contattarono la prima volta le Yellow Basket, ci siamo subito piaciute, e così è stato ancora quando mi hanno reso partecipe dalla grande avventura che è stata XXS Design, il primo concorso per idee che in Italia sia stato dedicato al design per bambini. In quell’occasione ho avuto anche l’onore di far parte della giuria e di visionare tutti i progetti partecipanti. Oggi vi presento una piccola eredità di quella bella avventura, Pipedo, la cucina-gioco proposta da Maria Piovano che fuori da XXS Design vi è vestita di nuovo, grazie ad una riuscitissima collaborazione con la bolognese t-fish, ed è bellissma, una cucina semplice, dalle linee pure, che la rende un gioco aperto, il veicolo perfetto per il gioco libero e creativo. Che onore poterne parlare qui in anteprima per voi!