Vintage flair

Les Gambettes kids chair and table via designperbambini.itOrmai mi conoscete, adoro il design moderno e minimal, ma ho un chiarissimo debole per gli arredi vintage! In particolare sono alla continua ricerca tra un equilibro tra moderno e antico, tra futuro e passato…e non solo negli arredi. Difficile infatti trovare un equilibrio tra quella che ero, quella che volevo essere, e quella che ora posso ancora diventare, e non solo a causa della famiglia, dei bimbetti adorabili, ci sono infatti tante scelte importanti che ho fatto nella vita oltre a quella di fare figli. Ed insomma capita in certi momenti, in quei momenti magari di stanchezza e di scoraggiamento, di ritrovarmi a fare bilanci, di ritrovarmi a cercare un filo rosso nella mia vita, un leitmotiv tra quello schedario vecchio ed il divano moderno…Alla ricerca di nuovi equilibri, equilibri instabili, equilibri volubili.

Poi succede che scopro la francese Les Gambettes, che produce deliziose sedie, scrittoi e sediole in moderno stile vintage e tutto mi sembra avere di nuovo un senso. Buon week-end a tutti.

Consigli per una cara amica

Home office inspirations by Designperbambini.it

Domenica sera una cara amica in preda ad un raptus di pulizie e riorganizzazione del suo studio mi ha chiesto consiglio su cosa fare. Pochi gli indizi, una parete da allestire con scaffali o librerie, una bella poltrona rossa da tenere e tutto il resto da inventare. Lei è davvero una cara amica, è Letizia di Bilingue per Gioco, conosciuta on-line, ed ora amica on&off-line. Lei è un vulcano di idee, che con la nascita del figlio si è inventata una professione, che ha la fortuna di potersi gestire da casa. Il suo Bilingue per Gioco cresce bene, come il suo A. e come i suoi mille altri progetti e collaborazioni. Adesso quindi, oltre a domare il suo studio, sente l’esigenza di renderlo a misura del suo lavoro, un luogo piacevole, come tutto quello che fa, funzionale, dove concentrarsi su nuovi progetti e dove incontrare in riunione i suoi tanti collaboratori. Uno studio caldo e comodo, ma accogliente e professionale.
La stanza è abbastanza regolare, un rettangolo 4mx2,5, una porta sul lato a sud, una finestra sul lato a ovest e due pareti “utili” a nord ed est.
[Leggi tutto]

Biblioteca personale

Kids bookshelf by Nonjectable via designperbambini.itProprio ieri ho ricevuto da una cara amica una mail con una richiesta d’aiuto: deve urgentemente “addomesticare” il suo studio a casa, il suo home-office, la stanza che vive di più. Mi chiede quindi un consiglio per una libreria, che sia solida e pratica, ma che renda la stanza anche piacevole, con magari un piccolo angolo per il suo bimbetto, per quei rari momenti in cui è a casa con lei e la lascia lavorare concentrata (per max 15 minuti!). Le mie idee ed i miei consigli stanno prendendo forma e li vedrete presto qui sul blog, in una nuova rubrica che ho deciso di aprire e che spero vi faccia piacere leggere. Nel frattempo, mentre mi preparo, ecco una proposta per l’home-office dei nostri piccoli, una piccola libreria (alta appena 1,2 m) con vani a misura di un po’ tutto, in legno chiaro, quello che preferisco!

Se avete anche voi un problema di arredamento potete sottopormelo via mail, risponderò a quelli più interessanti con delle segnalazioni ad-hoc pubblicate sul blog.

Per un’anteprima quindi tornate presto a sbirciare sul blog!

p.s. Questa adorabile e semplice libreria è prodotta dalla francese Nonjetable.

Animali spigolosi

Abecedario degli animali spigolosi di Andrea BartolucciSpigoloso è un aggettivo che di solito ha un accezione negativa, un carattere spigoloso, un mobile spigoloso. Per me la scuola aveva anche un’accezione negativa, spigolosa, come quella maestra che arrivò in terza elementare, una cicciona poco spigolosa nella forma, ma dal caratteraccio spigolosissimo!

Questo Abecedario invece, un bellissimo progetto del romanissimo Andrea Bartolucci, dona al termine spigoloso una nuova accezione, giocosa, allegra. E per fortuna per mia figlia, che oggi ha ricominciato la scuola (materna) oggi, nonostante la pioggia, è stato un giorno allegro, felice!

[Leggi tutto]

Washi tape lamp

washi tape lamp by Tamara MaynesNon so se vi avevo già detto che io adoro il Washi-Tape, il nastro adesivo in carta removibile coloratissimo che dal Giappone ha invaso casa mia e tantissimi negozi e negozietti (compresa l’italiana Upim!). Inoltre adoro i prismi complicati (ve lo ricordate il mio icosaedro natalizio?). Insomma non potevo non segnalarvi questa lampada in cartoncino e nastro adesivo, minimal e colorata al tempo stesso, adatta anche alla stanza dei pupastri, da personalizzare insieme a loro!
L’autrice, l’australiana Tamara Maynes, ha ideato questa lampada per essere realizzata durante i suoi “craft workshops”, io proverò a riprodurla da sola (il template è in vedita, ma io voglio provare a fare tutto da sola). Sto pensando poi a realizzarla in carta semitrasparente, ma le variazioni possibili sono infinite. Una lampada così la vedo benissimo anche realizzata con fogli di sughero, con il feltro, se non addirittura utilizzando fogli sottili di legno, di quelli che si usano per rivestire il truciolato…c’è solo capire in questi casi cosa utilizzare al posto del washi tape. Fatemi sapere se vi vengono idee!