Accelerometro embedded

Timbukto the iPad magazine for kidsSembra un iPhone ma non è!

E’ mio figlio che, a sette mesi, non gli sono spuntati i denti, ma gli è spuntato un accelerometro, si avete letto bene! Prima infatti dormiva come un sasso per 10 ore consecutive (si, anche qui avete letto bene, era tale e quale alla sorella!) e non notava spostamenti, squotimenti, sbalzi di temperatura e di luce. Adesso invece al ciccetto gli è spuntato un maledetto accelerometro che lo fa essere consapevole di ogni spostamento, ogni infinitesima variazione di accelerazione! Ieri sera, dopo averlo addormentato tra le mie braccia (lo so che già sbaglio, ma almeno non l’ho allattato per farlo addormentare!!!) siamo riusciti a metterlo giù con una complicatissima manovra a 4 braccia durata 5 lunghissimi intermnabili minuti per riuscire a coricarlo nel suo lettino senza svegliarlo!

Visto il mio ultimo post su compiti, activity books e creatività, e viste le similitudini tra mio figlio ed un iPhone/iPad, la segnalazione di oggi riguarda una meravigliosa rivista interattiva su iPad per bambini, Timbuktu, che a breve pubblicherà il secondo numero. Stay tumned!

p.s. Avete ancora la giornata di oggi per lasciare un commento A QUESTO POST per vincere meravigliosi premi messi in palio da YellowBasket!

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. says

    oooh…mi ricorda qualcuno…la mia da “bambina Premio” è passata a “sonno leggero”….maledetto accellerometro (bellissima definizione)

  2. silpia says

    Eviterò di godere di questo post sull’onda del “mal comune mezzo gaudio”…. Invece i miei più sinceri complimenti per il nuovo blog header!!

  3. says

    Ma io l’accelerometro lo conosco! A quattro mesi, di ritorno da un week end a Roma, si addormentò a Bologna e non si accorse di tre ulteriori cambi di treno per risvegliarsi al mattino nel lettino, a cinque mesi venne messo, appena addormentato, in macchina per raggiungere casa di amici, dormì per tutta la durata della cena nello studio del padrone di casa e si fece la strada di ritorno senza MAI svegliarsi… ci sembrava di essere fortunatissimi ma normali, poi compì 6 mesi… e iniziò il disastro… per metterlo a nanna bisognava essere ninja…Bellissimo il nuovo blog header!!!E viva Munari in tutte le sue forme!!

  4. says

    Anche io mio aveva quella fantastica capacità di percepire le più minime vibrazioni :) non me li ricordavo sai? ma appena ho letto ho avuto un dejavu!

  5. Liuba says

    Capisco perfettamente, anche mia figlia l’ aveva, noi lo chiamavamo giroscopio…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>