Rotelle fuori posto

TriobikeAvevo in mente tutto un altro post, ma questo evento non potevo lasciarlo incommentato: la mia ciccetta domenica scorsa ha fatto la sua prima pedalata senza rotelle! Merito di uno zio fiducioso (zio acquisito questa volta, e molto meno sposato alla causa della zia Mary!) e del training con la bici senza pedali (la Jumper LikeaBike), una follia di due estati fa!

Questa volta però non compreremo una bici superspaziale, ammortizzata e con telaio in alluminio, a questo giro abbiamo deciso che andremo a scegliere una bicicletta da bambino tra le tantissime abbandonate in una delle tante Ciclofficine di Roma e la ciccia collaborerà con il suo papà ad aggiustarla e personalizzarla.

Anche nella to-do-list delle cose che voglio riprendere a fare questa stagione autunno-inverno 2011-12 ho messo anche l’andare in bicicletta. Senza bimbi però che in città con il seggiolino sono un po’ paurosa. Un papà mi ha segnalato questa bicicletta really, r.e.a.l.l.y stylish, la danese TrioBike (che non voglio sapere neanche quanto costa!) che rivisita la super-classica Christiania Bike in versione minimal-chic però. Questa poi è addirittura trasformabile, perfetta quindi per passeggiate a tre con i pupi, ma anche per pedalate in solitaria per raggiungere le amiche per l’aperitivo (speriamo presto di nuovo!!!!)

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. silpia says

    Fantastica! Comunque per puro masochismo sono andata sul sito a vedere….siamo sui 3000 Euro, accessori a parte :( Quindi sia chiaro che è solo ed esclusivamente per questo motivo che nella mia to-do-list non c’è l’andare in bicicletta! Però se qualcuno di voi dovesse comprarla, mi piacerebbe tanto provarla (come passeggero nel carrozzino mentre voi pedalate, si intende)

  2. says

    La triobike costa un botto, ma è bellissima, pensata però per strade con una rete ciclabile vasta. Prova a immaginarla per Milano, dove le piste ciclabili iniziano improvvisamente e non portano da nessuna parte. Certo, però, chi ti investe non potrà poi dire che non ti aveva visto!

  3. says

    @Silpia se si avessero tante amiche mamme sportive si potrebbe condividre la spesa e organizzare un bike-sharing…sarebbe il modo per far rientrale l’andare in bici nella famosa next-season-do-do-list!

    @ilcestodeitesori Tu ironizzi su una cosa ahimè davvero seria, la cultura ciclistica nelle grandi città…e sappi che Milano sta avantissimo se la si paragona a Roma!!!

  4. Mammarasma says

    bellissima, io ci potrei caricare bimba e cane ;-P
    Ne avevo anche vista un’altra che si trasformava in passeggino: la bici si “ribaltava in avanti”, di modo che la ruota posteriore della bicicletta diventava la frontale del passeggino. Geniale. Un po’ ingombrante come passeggino, ma davvero geniale!
    Peccato che in entrambi i casi, a parte il costo, davvero ci vorrebbero delle piste ciclabili come hanno in nord Europa…

  5. says

    Quella di cui parli è la bici Taga, ne avevo già parlato sul blog! Cmq visto il traffico romano e l’inopia di piste ciclabilii sarebbero giocattolini da usare solo il week-end…e visto il prezzo…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>