Il baule dei travestimenti

Mashrom Wand on ImaginationKids Dawanda shopQualche giorno fa sono stata al colloqui con le educatrici dell’asilo di mia figlia. Noi abbiamo la fortuna di esser stati presi in un asilo privato convenzionato di ispirazione montessoriana. I bimbi fanno travasi, giocano con degli stupendi incastri logici, apparecchiano la tavola e poi puliscono i tavolini. Una delle frasi più frequenti di mia figlia è: “Faccio da sola”. Prima dell’impostazione io poi adoro le persone, disponibili e affettuose con i bimbi ma anche con i genitori! Insomma mi rendo conto che in questo abbiamo avuto davvero fortuna. Ma tornando al colloquio con le educatrici ho scoperto che uno dei giochi preferiti del gruppo di mia figlia sono i travestimanti! A casa naturalmente abbiamo cose vecchie che lei ogni tanto vuole mettersi addosso, ma non abbiamo una scatola dedicata. Per rimediare ho mandato una mail collettiva alle mie amiche chiedendo vecchi cappelli, cinte, vecchie cravatte dei loro compagni, foulard e scialli, avanzi di stoffa e nastrini, borse e borsellini vecchi. Naturalmente mi sono anche messa a cercare on-line e ho trovato cosine deliziose, come la bacchetta magica dello gnomo con un funghetto trovata nel negozio ImaginationKids su Dawanda e molto altro!

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. says

    Anche la mia nana va in un asilo impostato così e si traveste in continuazione anche quando non dovrebbe. Stamattina è entrata in classe con degli occhiali gialli fluorescenti senza lenti…

  2. says

    il travestimento e’ uno dei giochi piu’ belli, secondo me.
    io lo faccio ancora adesso.
    e quindi … voglio la bacchetta magicaaaa! (vado a prenderne due, una per me e una per il mio bimbo)

    grazie per le segnalazioni, paola

  3. says

    A Bologna Leo era nella montessoriana per eccellenza e in due anni ha appreso responsabilità e comportamenti impagabili e così quando ce ne siamo andati mi è pianto il cuore. Ma poi a Parma siamo entrati in una scuola niente male dove si vede che tutto sommato la maggior parte delle scuole in Italia soprattutto quelle dell’infanzia sono di ispirazione montessoriana. I travestimenti non mancano. Uno spasso sbirciarli ;)

  4. says

    @alem La tua nana ha già stile a quanto pare…ah se bastasse solo un po’ di “montessorianità” al nido!!!
    @paola In realtá nel post volevo segnalare altre cosine ma poi non ho fatto in tempo a fare un collage con le immagini. Son contenta abbia apprezzato!
    @MC Si, i nidi son più montessoriani di quello che crediamo. Basti pensare all’angolo morbido con gli specchi per i più piccini, sta cosa l’ha introdotta lei! Ma le materne e le elementari invece…Bah, vedremo tra qualche mese quando dovròdecidere l’asilo per la ciccetta…

  5. DeVa says

    Ho letto un libro (Calvani “Manuale di tecnologie dell’educazione” la parola tecnologie non deve farvi pensare ad oggetti o software ma ad un metodo, la montessori applicava un metodo.. per capirsi)…
    In questo libro la Montessori è una citazioni di due righe in 281 pagine… questa cosa mi ha stupito.
    Ci sono tantissimi metodi educativi, non ce ne è uno migliore in assoluto, ma tanti che possono essere i migliori a seconda di cosa deve essere insegnato ed a seconda del tipo di intelligenza del soggetto che apprende (intelligenza logica, artistica, musicale…)…
    Quello che ho letto non è che un libro tra i molteplici manuali che parlano di una materia che si chiama “didattica”… come vorrei che le maestre ed i futuri professori di mio figlio conoscessero questa materia.

    …oggi il mio bimbo è uscito con il mantello, gli occhiali da sole, dei denti aguzzi di carta (li ha fatti lui) che spuntavano dalle labbra. Ha detto di essere il “ponte dracula”.

  6. says

    @DeVa grazie per la referenza di didattica, un giorno magari pure io avrò il tempo di dedicarmi a cose serie! Cmq salutami tanto il ponte dracula, che mi sembra che abbia già davvero karisma da vendere!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>