Evento Prénatal: vienimi a conoscere!

Martedì 21 Settembre interverrò a Milano all’evento organizzato da Prénatal per lanciare non solo la nuova immagine del brand ed un nuovo portale, ma una nuova filosofia ed un nuovo modo di comunicare con mamme moderne. In questa giornata fatta di tavole rotonde, sfilate e presentazioni ci sarò appunto anche io, insieme a Ma che Davvero e a Smamma, “moderate” e “punzecchiate” da Miralda Colombo, giornalista e autrice del blog Il Cucchiaino di Alice. Insieme a Chris Wilson di Prénatal e a chi di voi vorrà intervenire, parleremo e rifletteremo su cosa fanno le mamme in rete, come si informano, come discutono e fanno community.

Tavola Rotonda: Mamme digitali e digitalizzate?

Dove&Quando: 9.30 -10.30 | Boscolo Hotel Exedra, sala 1 (primo piano), corso Matteotti 6, Milano.

Inoltre per 5 lettori c’è la possibilità di partecipare all’evento e alla tavola rotonda. Basta scrivere a Chiara Bianchi all’indirizzo chiara.bianchi@luxury-group.net mettendo nel titolo “Design per Bambini”. Vi aspetto a Milano!

A modern playhouse

Ho scovato per caso girovagando su Design Milk queste casette in legno favolose. Io le trovo un po’ giocattolo ed un po’ vero e proprio pezzo di arredamento. Sono due modelli proposti da Modern Playhouse. Di queste casette adoro lo stile contemporaneo, la semplicita’ delle forme e dei materiali e poi la loro filosofia. Dal loro sito leggo “The Modern Playhouse space invites creativity by virtue of its simplicity”, cosa che io trovo verissima, i giochi semplici ed aperti sono quelli che meglio stimolano la fantasia.  Insomma una casetta perfetta, tranne un piccolo particolare…indovinate quale?!?!

Trucchetti cannibaleschi

byGraziela tableware for kidsScusate se mi ripeto, torno ancora a parlare di cibo e di stoviglie per bambini, ma devo gridare al mondo che mia figlia ieri si è mangiata un piattone di passato di verdura! Non accadeva dei tempi dello svezzamento!

Tutto è cominciato con quello stupido gioco del rubare il naso e mettersi il pollice tra indice e medio. Quando da piccola un adulto lo faceva a me lo guardavo sempre con circospezione. Credo di aver imparato ad alzare il sopracciglio in segno di disappunto proprio allora…

A mia figlia sto giochino fa impazzire, e gioca che ti  rigioca sto trucchetto si è evoluto…il naso ce lo mangiamo a vicenda e poi a vicenda ci tagliamo la pancia per riprendercelo…insomma il giochino ha preso una deriva splatter-cannibalesca. Adesso facciamo le cannibali anche a tavola ogni tanto: ogni boccone è un mignolino di un’amichetto, il naso di un parente, il braccio di non so chi. Io provo facendole mangiare le chiavi del motorino di qualche amico, il cellulare della zia, ma lei poi ritorna sempre a mangiarsi mignoletti, piedini…e come si diverte!

Lo so che è inquietante….ma a fare le cannibali si mangiano tante verdure! Se siete disperate (come lo ero io) provate pure voi e ditemi se funziona!

Nella foto piatti in ceramica di byGraziela, ideati da Graziela Preiser, disegnatrice tedesca famosissima negli anni 70 (qui una bella foto d’archivio). Da qualche anno ha rieditato con sua figlia i suoi pattern più famosi creando una deliziosa collezione di prodotti per bambini dal sapore vintage. Appena ho tempo vedrò di fare qualche foto ai piatti  che ho trovato qui a Roma da Limentani (credo siano fuori produzione, non ne ho trovato traccia sul sito).

Piccoli inviti a cena

Dinner for two - Kids Tableware

Dinner for two – Kids Tableware by designxbambini on Polyvore.com

Vorrei ricominciare ad avere ospiti in casa e mi piacerebbe creare un piccolo spazio dove i bambini mangino da soli, lontani dal perenne controllo dei grandi, un tavolo alla loro altezza, dei cibi divertenti, apparecchiatura a loro misura ma che li guidi a diventare grandi

Così finisce la recente intervista a Mamma Cattiva. La segnalazione giusta per questi desideri non ce l’ho, preferisco quindi provare a ricreare un’atmosfera, una piccola selezione di ogetti allegri e colorati, ma non infantili, che ben si integrano in un contesto come una cena tra grandi. Piatti di coccio, bicchieri di vetro e posate di metallo quindi, da sistemare semplicemente sul tavolino della sala che di solito ospita riviste e soprammobili, usando semplici tovagliette, o magari solo strofinacci  con piccoli decori.

E che abbia inizio la danza delle portate!

Set creato su Polyvore, per i dettagli sugli items andate qui.


A casa di Mamma Cattiva

A casa di Mamma Cattiva

Tutto è cominciato con una proposta ad una “collega” mamma-blogger: lei è una Mamma Cattiva, una di quelle che lavora a tempo pieno per capirci,  che compra ancora giochi in legno (ma solo quelli con il marchio CE!), che non aggiunge zucchero allo yogurt bianco, che quando può si prende spazio e tempo per lei,  che certe volte si abbatte e poi si riprende, insomma come dicevo, una mamma cattiva. A lei chiesi ormai mesi fa se avesse per caso voglia e tempo di scrivere un guest-post per questo blog. Lei in risposta mi ha aperto entusiasta le porte di casa sua!

Ecco quindi questo post-intervista a Luisa ErcoliMamma Cattiva, nato proprio grazie ad una sua idea, che pubblico dopo averla fatta davvero faticare, con foto su foto che le ho chiesto di scattare, e con domande a cui Luisa ha voluto gentilmente rispondere. E dalla proposta di Luisa di mostrare la cameretta dei suoi Leo e Picca nasce anche la rubrica “Rooms with a view” in cui mamme e papà, cattivi o meno, ci racconteranno come vedono lo spazio della loro casa dedicato ai più piccoli, in cui troveremo spunti ed ispirazioni per la stanza dei nostri bambini.[Leggi tutto]