Materiali sensoriali a tavola

Ben trovati a tutti dopo la lunga pausa natalizia e soprattutto buon anno nuovo! Come vedete l’immagine della testata é cambiata di nuovo, nonostante il freddo romano di questi giorni ho abbandonato i cristalli di neve natalizi per passare alla semplicita del Times New Roman, che un po’ di sobrietá dopo gli sfarzi natalizi ci vuole proprio!decor1

Oggi vi racconto del mio pranzo di Natale e di come quest’anno ho decorato la tavola. Prima di natale ho avuto la fortuna di essere stata invitata ad un’evento organizzato da Voiello per i food-blogger in cui si é parlato della decorazione della tavola con Anna Prandoni, responsabile del web de “La Cucina Italiana” (qui una bella intervista ad Anna). All’evento ho avuto la fortuna di incontrare e conoscere altre due mum-blogger,  Wonderland e Mamma Cattiva, con le quali ho trascorso una splendida serata tra pasta Voiello e chiacchiere. E questo evento per me che amo la bella tavola (certo, anche la buona tavola!) é stato davvero interessante: Anna ci ha fatto una vera e propria lezione! Io non ho preso appunti ma per fortuna quellli di Voiello ne hanno estratto un e-book che potete trovare qui. Cosí la bella serata Voiello quest’anno mi ha dato la motivazione giusta e l’entusiasmo per la decorazione della tavola del 25! Ospiti di riguardo poi per il pranzo di Natale mia figlia ed il suo migliore amico Pippo (fino a qualche settimana fa invece lo chiamava ancora Papo!).

decor3Insomma ecco qui come hanno trovato i miei ospiti la tavola il 25. Certo Anna Prandoni rabbrividerá, lei ha dato spiegazioni per decorare una tavola vera, ma  i miei commensali li ho distratti poi con un’anatra ripiena favolosa e quindi non si sono lamentati per la tovaglia assente o per il bicchiere unico!

Come vedete non amo particolarmente le decorazioni natalizie e quindi ho scelto cose più che altro invernali ed interessanti da punto di vista della sperimentazione tattile per i piccini: fiori di cotone, pigne e rametti di abete del nord molto morbidi e sbruffosi. Inoltre invece del solito sotto piatto che é poi nulla che un piatto in piú da lavare, ho scelto una variante piú semplice: dei fogli di carta da pasticcere.

Ogni elemento della decorazione é stato fonte di gioco (tranne la pigna che non ha interessato nessuno, sigh!): con il rametto i bimbi si sono fatti il solletico a vicenda, i fiori di cotone sono stati oggetto di attento studio da parte di mia figlia ed il sottopiatto é stato reinterpretato dal tratto artistico della piccola che lo ha reso una vera opera d’arte quasi da incorniciare!decor2

Ma lasciatemi parlare un po’ piú in dettaglio della carta che ho usato. In realtá é un trucchetto veloce che uso sempre, che mi permette di abolire la tovaglia e dare un tocco di originalitá con pochi soldi alla tavola. In commercio se ne trovano anche in versione rettangolare e argentata o dorata. Io poi che sono una patita dei paper doilies ne ho anche qualche esemplare vintage ordinato su e-bay (nella foto quello a destra l’ho ordinato on-line e mi é arrivato con la confezione originale degli anni 50!) Mettete su gughel “doily + paper” e vi si aprirá un mondo!

In ultimo se state cercando altro materiale sensoriale da mettere sulla tavola o da sottoporre ai vostri piccini per le loro esplorazioni tattili vi consiglio un bel libro: “Persone da 0 a 3 anni“, di Elionor Goldschmied e Sonia Jackson. Qui  in cui si parla molto bene ed in dettaglio del Cestino delle Meraviglie, l’unico vero gioco sensato per bimbi dai 3 ai 9 mesi.

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. says

    Ciao Alessandra! Grazie per essere passata da queste parti e grazie per la menzione al mio sito sul tuo! Ho appena controllato e la tua mail era capitata tra gli spam! Passeró presto dalle tue parti!

    Un saluto VmnP

  2. says

    …sono senza parole…no, non faccio per dire…scrivo perché non riesci a vedermi ma credimi sono qui con una faccia da triglia a sbavare. Quando ti ho scherzosamente proposto di farmi vedere la tua tavola decorata immaginavo, sì, ma tu come fai? Sei unica. Davvero. Ora smetto se no le mie parole perdono di valore. Oggi più che sempre sono grata a Internet per le persone che mi fa conoscere. Scusa il commento un po’ barocco. Adesso chiudo gli occhi ed esprimo un desiderio. Poi però te lo dico perché per avverarsi te lo devo dire. Ciao mia cara.

  3. Bilingue Per Gioco says

    Che meraviglia! Curiosita’, ma dove li hai trovati i fiori di cotone?

    Non che sia la mancanza di fiori di cotone a inibirmi, non raggiungerei tanta eleganza neanche se vivessi in una piantagione di cotone in Alabama, ma cosi’ per curiosita’…

    Ciao,
    L.
    http://www.bilinguepergioco.com

  4. says

    @MammaCattiva: come triglia barocca sei poco convincente ;) Sono particolarmente contenta che ti sia piaciuto questo post!
    @L: I fiori di cotone li ho ordinati dal fioraio, si trovano facilmente. Belli vero?

  5. says

    @filerouge: Si, il libro è pensato per gli “operatori del settore”, ma io l’ho trovato davvero molto interessante. E poi si parla a fondo del cestino delle meraviglie con cui mia figlia ha “lavorato” molto! …insomma a quando il lieto evento?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>