Il lettino Montessori

lettino montessoriano by Nume via designperbambiniIl lettino tradizionale con quelle sbarre a me ha sempre dato l’idea di una gabbia, di una galera. Ero ancora in dolce attesa e, condividendo le mie impressioni a riguardo con un amico, lui mi fece notare che un neonato non lo sa com’é la galera, non avrebbe quindi potuto sentirsi in gabbia dietro le sbarre del lettino.

Ossservazione molto acuta, lo ammetto, ma a me ste sbarre hanno continuato a non convincermi. Al momento di togliere la gnometta dalla cesta in cui ha dormito i primi mesi, si é posto il problema concreto di quale lettino scegliere e la soluzione ce l’ha data la Montessori con il suo lettino a terra, leggete questo articoletto su UPPA per capire di cosa sto parlando.

E ci siamo innamorati di questo che vedete nella foto, di Nume design company italiana, che però annuncia categorico sul sito che la collezione é “not available“! Noi alla fine abbiamo hackerato un lettino Ikea. A questo punto quindi lancio un appello alle mamme ed ai papà designer che mi stanno leggendo, e specialmente ad Arianna che commenta sempre entusiasta i miei posts, c’é un vuoto da colmare, ci serve un lettino Montessori!

Aggiornamento: La Nume purtroppo non esiste più, ma qualche fortunato è riuscito comunque a godersi questo bellissimo lettino in stile Montessori! Andate a curiosare qui!

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. says

    Noi a casa abbiamo usato una soluzione molto piú semplice: siccome il piciulo si rigira molto, abbiamo preso un materassino basso a una piazza (ci sono all'IKEA), che abbiamo appoggiato direttamente sul pavimento della sua stanza. Abbiamo adottato la soluzione da quando il piciulin aveva 10 mesi e funziona.

    Avrei un piccolo appunto su tutti questi mobili design che si vedono in giro: sono tutti estremamente semplici. Mi chiedo se veramente piacciono ai bambini: perché vedo che sia nostro figlio, che noi due da piccoli, adoravamo libri e mobili con disegni dettagliati, colori e ghirigori. Abbiamo un mobile vecchio di legno tutto scolpito con svolazzi, dame e cavalieri: non passa giorno che nostro figlio (14 mesi) non stia lí a guardarlo e toccarlo.
    Capisco la questione economica nella fabbricazione, ma per gli oggetti da bambini non si potrebbe fare un'eccezione e decorare molto di piú?

  2. says

    Hai usato la parola maledetta: "ghirigori"! Sei proprio una streghetta come ti definisci nel tuo blogger profile ;)!
    Per i nostri piccoli si puó tutto, anche decorare la casa fino alla nausea! Io preferisco peró elementi decorativi dalla grafica moderna, i ghirigori non mi sono mai piaciuti, come neache i giri di parole o i salamelecchi…ma é una questione di gusti!

  3. says

    (Vediamo se stavolta riesco a postare, che ieri non ci riuscivo)
    La mia questione non era esattamente sul gusto *estetico*, sicuramente non di quello *dei genitori*.
    Io sospetto, anche se non ho la dimostrazione scientifica a riguardo, che il contatto con cose e ambienti molto decorati aiuti lo sviluppo della creativitá visuale di un bambino.
    Ho visto che:
    mio figlio si sofferma(osservando e toccando)di preferenza e a lungo su oggetti molto decorati (il mobile coi bassorilievi, i tappeti simil-persiani, le illustrazioni di libri che siano molto dettagliate e dipinte, un parato con fiori art noveau). siccome é ancora molto piccolo, mi chiedo se é veramente giá gusto estetico o piuttosto interesse e curiositá.
    Quando ero piccola disegnavo molto piú volentieri e riccamente se ero a contatto con le situazioni di cui sopra (i mobili e soprammobili 'in stile' dei nonni, libri con disegni particolareggiati, e cosí via. Stessa cosa succedeva al mio moroso.
    Da qui la mia teoria.
    Magari chiedo alle maestre al nido che ne pensano, visto che ne sanno di piú di pedagogia.

  4. Titania says

    Mi piacerebbe vedere una foto del lettino IKEA hackerato! Si tratta dello Sniglar?

  5. says

    Che idea Crisiana! Anche un tempo nelle case povere i neonati dormivano nei cassetti dei comò! Davvero un ottima idea!

  6. pia says

    ma dove si trovano questi lettini Montessori? Sia quello impilabile che quello di legno basso della Nube mi pare!

  7. says

    @pia Purtroppo la Nume non esiste più! Io continuo a contattarli di tanto in tanto per avere news ma non ho mai ricevuto risposta. Cmq ti scrivo una mail con quello che so su dove trovare la Stapelliege.

  8. silvia says

    ciao, io avevo pensato al futon, ma ho il problema del riscaldamento a pannelli (quindi sotto pavimento) quindi vorrei rialzare il futon o materasso. quale letto ikea hai utilizzato? vorrei anch’io qualcosa in cui mi ci posso sdraiare insieme al mio piccolo.
    grazie dell’aiuto!! silvia

  9. Elena says

    Ciao! Ho scoperto da pochissimo questo blog e voglio farti i complimenti perchè è davvero meraviglioso!!! Approccio originale e pieno di spunti interessanti, da 2 giorni non faccio altro che “sfogliarlo”!!!
    Sono in particolare rimasta affascinata dalla questione lettino. Ho una bimba di 6 mesi e a brevissimo dovrò toglierla dalla cesta in cui dorme per passarla nel lettino. Anche io sono sempre stata concettualmente contraria alla questione delle sbarre, ma nella mia ignoranza in materia di pedagogia non conoscevo la proposta della Montessori. Approvato! unica domanda: da che età è consigliabile cominciare a usarlo? il passaggio avviene direttamente dalla culla oppure c’è una fase intermedia?
    Grazie per i consigli! A presto, Elena

  10. Sonia zabeo says

    Noi nel lontano 1975 abbiamo costruito in legno di olmo, quello che scherzosamente chiamavamo “cassetta di limoni”, un lettino simile senza le rotelle e con l’apertura sul lato più lungo. Appoggiato a terra la nostra frugola di poco più di un anno andava e veniva come voleva senza pericolo di cadute

  11. Serena says

    Salve volevo sapete se conoscere le misure del lettino della foto volevamo provare a farlo
    Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>